Arte Povera
Pistoletto è considerato uno dei protagonisti dell'Arte Povera. Innanzitutto per le sue opere, dagli Oggetti in meno, che precedono la nascita ufficiale del movimento, a quelle che ne costituiscono quasi l'emblema, come i lavori con gli stracci (ad esempio La Venere degli stracci del 1967), materiale utilizzato inizialmente da Pistoletto per la pulitura dei quadri specchianti e successivamente in diverse azioni dello Zoo. Non meno importante è il suo ruolo di catalizzatore, svolto fin dai primi anni Sessanta, di quel gruppo di artisti torinesi - e di ponte fra questi e quelli romani - che darà vita all'Arte Povera. Lo stesso teorico dell'Arte Povera, Germano Celant, che conosce Pistoletto in occasione dall'esposizione degli Oggetti in meno nello studio dell'artista, gli riconoscerà tale funzione: “Come intellettuale il suo ruolo è stato quello di intrecciare uno spartito europeo di contatti tra artisti, facilitando la mostra delle Armi di Pino Pascali [nel gennaio del 1966 a Torino] e la conoscenza dell’arte italiana, mediante la creazione del Deposito D’Arte Presente e, in seguito, di una collezione d’artista, quanto rendendo possibile il dialogo tra gallerie, in particolare Ileana Sonnabend e Gian Enzo Sperone, che ha dato avvio alla circolazione della Pop Art in Italia e dell’Arte Povera in Francia, Germania e Stati Uniti.” (G. Celant, in Un’avventura internazionale, Charta, Torino 1993, p 14). La collezione cui fa riferimento Celant è quella di Arte Povera esposta da Pistoletto nella sua abitazione nel corso del 1971 ed attualmente visitabile presso Cittadellarte.
clicca sulle immagini
per ingrandire
Venere degli stracci, 1967
Venere degli stracci, 1967
Arte Povera + Azioni Povere, 1968
Orchestra di stracci, 1968
Monumentino, 1968
Slitta di acqua e sapone, 1968
Colonne di stracci, 1968
 MICHELANGELO PISTOLETTO
Opere