Terzo Paradiso

Nel 2003 Pistoletto scrive il manifesto del Terzo Paradiso e ne disegna sulla sabbia il simbolo, costituito da una riconfigurazione del segno matematico d’infinito. Tra i due cerchi contigui, assunti a significato dei due poli opposti di natura e artificio, viene inserito un terzo cerchio centrale, a rappresentare il grembo generativo di una nuova umanità, ideale superamento del conflitto distruttivo in cui natura e artificio si ritrovano nell’attuale società.
Nel marzo del 2004, in occasione del conferimento della laurea honoris causa in Scienze Politiche da parte dell'Università di Torino, Pistoletto annuncia pubblicamente il Terzo Paradiso come prossima fase del suo lavoro. A partire da questa data, per Pistoletto e Cittadellarte, il Terzo Paradiso sarà la principale direttrice di un lavoro condotto intessendo una fitta rete di relazioni e collaborazioni con innumerevoli partner - singoli individui, associazioni, enti e istituzioni, attivi non solo in ambito artistico, ma nei più diversi ambiti della società - facendone una grande opera collettiva e partecipata, di cui si ripercorrono qui di seguito sinteticamente alcune delle tappe più significative.
Nel 2005 viene organizzato, a cura di Bonito Oliva, un evento speciale della Biennale di Venezia intitolato “L’isola interiore: l’arte della sopravvivenza. Michelangelo Pistoletto & Cittadellarte presentano il Terzo Paradiso”.
Nel 2007 inizia la collaborazione di Gianna Nannini al Terzo Paradiso, che prende forma nell’installazione MAMA – Terzo Paradiso, presentata tra il 2007 e il 2009 a Milano, Mosca, Minsk, Bari, in collaborazione con RAM Radioartemobile.
Due temi affrontati costantemente e con particolare impegno nell’ambito del Terzo Paradiso sono il riciclo e la sostenibilità ambientale, a partire dai tanti laboratori organizzati dal 2005 in collaborazione con diversi enti, in particolare con il Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli Museo di Arte Contemporanea. Nel corso di questi laboratori il simbolo del Terzo Paradiso è stato realizzato, in diverse sedi e occasioni, utilizzando soprattutto un materiale riciclabile come l’alluminio.
Dal 2008 intensificano la propria attività relativa al Terzo Paradiso due Uffizi di Cittadellarte, quelli dedicati all’architettura e alla moda. Il primo prende il nome di N.O.V.A. Civitas (acronimo di Nuovi Organismi di Vita Abitativa) e ha come obiettivo la promozione della cultura sostenibile in ambito architettonico e ambientale. Il secondo, Cittadellarte Fashion B.E.S.T. (acronimo di Better Ethical Sustainable Think-Tank), è una piattaforma e officina operativa dedita allo sviluppo della sostenibilità bio-etica nell’ambito del tessile e della moda.
Tra gli eventi organizzati si segnalano ad esempio: la mostra “Cittadellarte Fashion – Bio Ethical Sustainable Trend” nel 2011 a Biella; la performance Il Terzo Paradiso per il Manifesto della Sostenibilità della moda italiana nel 2012 in Piazza Duomo a Milano, realizzata in occasione dell'inaugurazione della Settimana della moda, durante la quale mille studenti di moda, arte e design danno vita al simbolo del Terzo Paradiso; l'installazione di un grande simbolo del Terzo Paradiso al Palazzo delle Nazioni Unite di Ginevra per l'evento “Forests For Fashion - Fashion For Forests” nel 2014.
Sempre sul tema del riciclo vanno segnalate due opere di Pistoletto. Nel 2009, dalla collaborazione con Ecodom - Consorzio Italiano Recupero e Riciclaggio Elettrodomestici, nasce l'opera I temp(l)i cambiano, realizzata assemblando rifiuti di apparecchiature elettriche: cestelli di lavatrice per formare le colonne e serpentine di frigoriferi per il fregio del timpano. Nel 2012, nell’ambito della Biennale di Architettura di Venezia, l'Italia riciclata, realizzata utilizzando esclusivamente gli scarti prodotti nel corso degli allestimenti della Biennale stessa.
Nel 2010 Pistoletto crea una grande opera permanente di land art: il segno del Terzo Paradiso formato da 160 ulivi collocati in un'area percorribile di 3000 metri quadri all'interno del bosco restaurato di Francesco d'Assisi, in collaborazione con il FAI – Fondo Ambientale Italiano.
In questo stesso anno viene pubblicato il saggio di Pistoletto “Il Terzo Paradiso”, edito in lingua italiana e inglese da Marsilio e successivamente in francese da Actes Sud e in tedesco da Schlebrügge.
Nel 2011 Alain Juppé, sindaco di Bordeaux, chiama Pistoletto e Cittadellarte ad assumere la direzione artistica di “EVENTO 2011”, che l'artista intitola “L’art pour une ré-évolution urbaine”. Riprendendo e sviluppando il principio operativo della Creative Collaboration realizzata ad Atlanta nel 1979, Pistoletto invita artisti ed esperti di diverse discipline a lavorare sul rapporto tra arte e cittadinanza attraverso opere collettive e progetti partecipativi, al cui centro stanno i “cantieri dei saperi condivisi”, laboratori situati nello spazio pubblico, in cui artisti di diverse nazionalità lavorano assieme ad associazioni, scuole e istituzioni locali.

Il 21 dicembre del 2012 si svolge, simultaneamente in diverse sedi e nazioni, il Rebirth-day: prima giornata mondiale della rinascita, festa del Terzo Paradiso. La documentazione delle partecipazioni a questo evento è presentata nell’ambito della mostra di Pistoletto “Année un – Le paradis sur terre” che si tiene da aprile a settembre 2013 al Musée du Louvre di Parigi.
Dal 2012 la giornata del Rebirth-day diventa una ricorrenza annuale, generando un gran numero di eventi e una fitta rete di relazioni, da cui sorgono le Ambasciate del Terzo Paradiso, che promuovono e sviluppano sul territorio il Terzo Paradiso.
Il 16 dicembre del 2014 una di queste ambasciate, quella di Cuba, assieme a Galleria Continua, dà vita ad un evento di grande rilievo simbolico: alcune barche di pescatori, coordinate dall'artista Alexis Leiva Kcho, Laura Salas e Lorenzo Fiaschi formano sul mare di fronte all'Avana il simbolo del Terzo Paradiso. Il giorno successivo viene annunciata ufficialmente l'intesa tra Cuba e Stati Uniti per una ripresa delle relazioni tra i due paesi. Questa significativa coincidenza pone le premesse della realizzazione all'Avana, nel novembre del 2015, del “Primo Rebirth Forum”, intitolato “Geografie della Trasformazione”, un grande cantiere di arte e politica, che vede il coinvolgimento di organizzazioni, imprese, associazioni e istituzioni. Il Forum pone inoltre al centro dei propri lavori i 17 Obiettivi per lo Sviluppo sostenibile dell'Agenda 2030 dell'ONU, sottoscritti solo due mesi prima dai suoi 193 paesi membri, Obiettivi che costituiranno un costante riferimento anche dei Forum successivi. Il Forum dell'Avana avrà ulteriori sviluppi negli anni successivi e nel 2016 verrà affiancato da una mostra retrospettiva di Pistoletto al Museo Nacional de Bellas Artes dell'Avana.
Il dialogo tra arte e politica promosso dal Terzo Paradiso prende forma anche nell'installazione del simbolo del Terzo Paradiso presso il Palazzo del Consiglio Europeo a Bruxelles in occasione del Semestre di Presidenza Italiana nel 2014 e nella realizzazione nel 2015 di Rebirth, opera permanente collocata nel Parco del Palazzo delle Nazioni Unite a Ginevra, composta da 193 pietre, una per ciascun paese membro delle Nazioni Unite, disposte a formare il simbolo del Terzo Paradiso.
Nel 2015 viene anche inaugurata, presso Cittadellarte, la sede permanente del Terzo Paradiso a Biella, promossa dal “Comitato Biellesi per il Terzo Paradiso”.

Il 2015 e 2016 vedono anche alcuni importanti momenti di presentazione di un'altra opera di Pistoletto: La Mela Reintegrata. “Il simbolo della Mela Reintegrata rappresenta la ricomposizione degli elementi opposti: natura e artificio. La mela significa natura; il morso della mela significa artificio, così come lo vediamo utilizzato in un marchio di computer mondialmente diffuso posto a emblema della tecnologia che sostituisce integralmente la natura. Con la Mela Reintegrata l'artificio assume il compito di ricucire la parte asportata dal morso e ricongiungere l'umanità alla natura, anziché continuare ad allontanarla da essa.” (M. Pistoletto) La prima Mela Reintegrata è realizzata nel 2007, ha la superficie ricoperta di lana e viene esposta per la prima volta in quello stesso anno al GAMeC di La Spezia in occasione della mostra “Cittadellarte. Pistoletto e Il Terzo Paradiso”.
La Mela Reintegrata installata nel maggio del 2015 in Piazza Duomo a Milano ha invece la superficie ricoperta da un manto erboso. Viene successivamente ricollocata in Parco Sempione di fronte alla sede del FAI, ente coinvolto nella realizzazione dell'evento, nel 2016 infine, con la superficie ricoperta da intonaco argilloso bianco mescolato a povere di marmo, è installata permanentemente in Piazza Duca D'Aosta di fronte alla Stazione Ferroviaria Centrale di Milano.
Sempre nel 2016 una Mela Reintegrata scolpita in un blocco di marmo bianco di Carrara è installata nei sotterranei delle Terme di Caracalla, andando a integrare un altro lavoro di Pistoletto presente come opera permanente in questo complesso archeologico, il simbolo del Terzo Paradiso realizzato nel 2012 utilizzando frammenti architettonici presenti nel sito.

A partire dal 2016 diviene protagonista di diverse attività del Terzo Paradiso, come una sorta di ambasciatrice onoraria, la Venere degli stacci. Quest'opera ormai storica di Pistoletto è infatti al centro di un fitto programma di incontri e azioni collettive organizzate dalla rete di Ambasciate del Terzo Paradiso in alcune città italiane particolarmente interessate dai recenti fenomeni migratori come Lampedusa e Ventimiglia, ma anche Roma, Bolzano o Torino.
Attraverso il coinvolgimento di diverse istituzioni e gruppi sociali, in primo luogo gli stessi profughi o migranti e gli abitanti di alcune periferie, questi due gruppi spesso rappresentati e posti strumentalmente in contrasto tra loro, trovano attraverso queste iniziative una forma di dialogo e superamento creativo delle situazioni di conflitto.

Nel 2017 il Terzo Paradiso è assunto come simbolo della missione spaziale “VITA” delle Agenzie spaziali europea e italiana durante la quale le foto della Terra scattate dall'astronauta Paolo Nespoli sono condivise attraverso la app “SPAC3” per creare un'opera collettiva planetaria.
Nel 2017 viene pubblicato il libro di Pistoletto “Ominiteismo e Demopraxia. Manifesto per una rigenerazione della società”, un'importante riflessione teorica, già presentata in precedenti fasi di elaborazione tra il 2012 e il 2016, nella quale Pistoletto sviluppa ulteriormente le istanze del Terzo Paradiso alla luce del principio della Trinamica formulato in questa occasione. Tale manifesto costituirà il riferimento teorico delle principali attività condotte da Pistoletto, Cittadellarte e la Rete delle Ambasciate del Terzo Paradiso nel corso di questi ultimi anni.
Per approfondimenti e aggiornamenti: www.terzoparadiso.org

“La Trinamica è la dinamica del numero Tre. È la combinazione di due unità che dà vita a una terza unità distinta e inedita. Nella Trinamica il Tre rappresenta sempre una nascita, che avviene per combinazione fortuita, o voluta, fra due soggetti. [...] Il segno-formula della Trinamica, assunto anche come simbolo del Terzo Paradiso, disegna tre cerchi allineati. I due cerchi esterni rappresentano tutti gli opposti e comunque ogni dualità. Il Teorema della Trinamica identifica nel cerchio centrale, generato dalla congiunzione dei due cerchi esterni, un terzo soggetto prima inesistente. La Trinamica agisce nella sfera naturale così come in quella artificiale, includendo ogni ambito e aspetto della società umana. La troviamo ad esempio nella reazione fra ossigeno e idrogeno da cui si ottiene l’acqua; nell’interazione fra masse d’aria calda e fredda, causa dei fenomeni temporaleschi; nella connessione fra polo positivo e polo negativo, che produce energia elettrica; nell’unione fra il maschile e il femminile, che genera un nuovo essere; nella dialettica fra tesi e antitesi, che produce la sintesi; nella fusione fra gli opposti modelli politici dell’assolutismo e dell’anarchia, che sviluppa la democrazia. Nello specifico di questo manifesto, Ominiteismo e Demopraxia sono due soggetti diversi, che congiunti, producono un nuovo sistema sociale. La Trinamica è il principio della creazione, la scienza delle relazioni e degli equilibri.”
(M. Pistoletto, Ominiteismo e Demopraxia. Manifesto per una rigenerazione della società, Chiarelettere, Milano, 2017)

scarica il testo di Michelangelo Pistoletto "Il Terzo Paradiso" (PDF)
scarica alcuni estratti dal libro "Ominiteismo e Demopraxia. Manifesto per una rigenerazione della società", Chiarelettere, Milano, 2017 (PDF)

clicca sulle immagini
per ingrandire
Il simbolo del Terzo Paradiso, 2003
Il simbolo del Terzo Paradiso, 2005
Il Terzo Paradiso, 2005
Il Terzo Paradiso, 2005
Il Terzo Paradiso, 2006
Il Terzo Paradiso, 2006
Il Terzo Paradiso, 2006
Il Terzo Paradiso, 2006
Il Terzo Paradiso, 2006
Libro d’oro del Terzo Paradiso, 2006
Il Terzo Paradiso - MAMA, 2007
Il Terzo Paradiso - MAMA, 2007
Woollen. La mela reintegrata, 2007
Il Terzo Paradiso, 2008
L'orto del Terzo Paradiso, 2008
I temp(l)i cambiano, 2009
Il Terzo Paradiso, 2009
Il DNA del Terzo Paradiso,
2010
Il Terzo Paradiso nel Bosco
di Francesco ad Assisi, 2010
Il Terzo Paradiso nel Bosco
di Francesco ad Assisi, 2010
The Mirror of Judgment, 2011
Recycle - Aspettando
il giorno della rinascita, 2012
L'Italia riciclata, 2012
Il Terzo Paradiso per il Manifesto della Sostenibilità della moda italiana, 2012
Terzo Paradiso -
c'è dio? si ci sono!, 2012
Caracalla
Paradiso Contemporaneo, 2012
Année un -
Le paradise sur terre, 2013
Année un -
Le paradise sur terre, 2013
Forests For Fashion - Fashion For Forests, 2014
Terzo Paradiso, 2014
Il Terzo Paradiso, 2014
Rebirth, 2015
Sede del Terzo Paradiso, 2015
La mela reintegrata, 2015
1° Forum Rebirth, 2015
La mela reintegrata, 2016
La mela reintegrata, 2016
VITA, 2017
 MICHELANGELO PISTOLETTO
Opere